ULULA & La Foresta torna il 16 aprile con Non esiste
niente, suo nuovo singolo.
Brano che abbandona le strutture classiche della canzone,
Non esiste niente si apre via via in una progressione
spazio-temporale, con sonorità che a tratti richiamano
l’oriente, rimanendo però sempre fedele allo stile
cantautorale contemporaneo.

Il titolo è significativamente un’affermazione e allo stesso tempo una negazione:
un pensare fuori dagli schemi per rincominciare e darsi l’opportunità di ricostruire sé stessi, il modo di
relazionarsi col prossimo e lo stesso mondo su basi rinnovate. Il testo riflette anche sul fatto che sia l’uomo
stesso a chiudersi in gabbia, attraverso verità che appaiono spesso inconfutabili, fondate su esigenze
comprensibili ma, forse, non indispensabili.
Se la più alta forma di libertà sono la creatività e il concetto stesso di invenzione – spiega ULULA –
allora perché costringerci a seguire regole stantie, ripercorrendo all’infinito gli stessi vicoli ciechi?
Non esiste niente, ripartiamo da qui!
Il brano anticipa, inoltre, un grande progetto che vedrà la luce nei prossimi mesi con l’uscita del terzo e ultimo
singolo estratto dal nuovo disco. Si tratta della creazione di un laboratorio artistico in Bosnia che coinvolge i
migranti bloccati alla frontiera. Un progetto in collaborazione con ONE BRIDGE TO
IDOMENI: un’associazione veronese che da anni opera nei Balcani a sostegno dei migranti in arrivo dal Medio
Oriente.


Il progetto nasce a Milano nel 2016 quando Lorenzo
Garofalo in arte ULULA incontra tra i banchi del CPM
Music Institute quelli che diventeranno i componenti de
La Foresta: Andrea Mandelli, Filippo Maria Chiarini,
Maximilian Agostini e Simone Carradori. L’obiettivo è
quello di accompagnare la voce e i testi del cantautore
sperimentando tra il rock e il folk alla ricerca di un sound
insolito e contaminato da diversi generi e sonorità.

Da subito il progetto funziona ed è protagonista in diversi
contesti musicali tra cui il MonigArt Festival (BS), un evento FAI al Tempio del Lazzaretto di Verona (in
apertura ad Andrea Valeri) e a Mantova per Radio Pico. Nel dicembre 2016 accompagnano Franco
Mussida all’Auditorium Massimo di Roma dove, oltre a suonare brani celebri del chitarrista, presentano
alcuni inediti del proprio repertorio, con successivi concerti tra cui: Circolo Ohibò di Milano, il Festival
River e Sofar Sounds a Verona. Nel 2017 arriva il primo tour Estate povera che tocca 15 città italiane tra cui
Bologna, Firenze, Verona, Bergamo e Rimini. Nel periodo invernale dello stesso anno parte il tour
BLACKINVERNO con ultima tappa a Torino. Nel gennaio 2018 si concludono le registrazioni del primo EP
prodotto da Max Elli. Nel maggio del 2018 esce Lacerba il primo singolo di ULULA & La Foresta. Nello stesso
periodo avviene l’incontro e la collaborazione con Miele e con il produttore Lorenzo Cazzaniga che sfocerà
con la produzione del brano Un uomo e una donna. Nel 2019, con l’aggiunta di Alessio Profeti alle percussioni,
entrano al CoreTzone Studio di Diego Maggi per registrare il nuovo disco e contemporaneamente suonano
per il tour di Chiara Dello Iacovo. Oddio l’oblio è il brano pubblicato da ULULA & La Foresta che ha vinto nelle
audizioni live il premio Musicultura come miglior performance aggiudicandosi un posto nella compilation
Musicultura 2020. Il 9 ottobre esce il nuovo singolo per Piuma Dischi Sulle spalle dei giganti.